Di Francesco: “De Rossi? È un peccato, sa di aver sbagliato.”

“De Rossi? È un peccato, sa di aver sbagliato, con questi strumenti attuali non si scappa. L’arbitraggio non mi è piaciuto dal punto di vista dei cartellini, noi abbiamo il 70% del possesso palla ma il Genoa solo un ammonito. La gestione non mi è piaciuta, ma non ha condizionato il risultato, però anche in dieci abbiamo cercato di vincere. Abbiamo giocato un po’ sotto ritmo perché hanno difeso molto, ma siamo stati bravi a sbloccarla e poi ci siamo mossi meglio, il Genoa non aveva mai tirato in porta. Abbiamo pagato caro l’ingenuità e questo ci ha un po’ complicata la vita, abbiamo avuto due occasioni per vincerla. È un peccato perché non dobbiamo farci del male da soli, questa battuta d’arresto per me equivale a due punti persi. De Rossi sa che ha sbagliato, si assumerà le sue responsabilità, alla fine ne usciamo tutti sconfitti. Dovremo lavorare insieme affinché ciò non riaccada, se andiamo dietro agli avversari negli atteggiamenti accadono queste cose. El Shaarawy? Stephan è cresciuto molto, oggi era meno brillante ma poi quando è andato a sinistra ha segnato. Sono contento per lui, peccato lasciar per strada questi due punti. A Genova non è mai facile vincere. Non siamo stati presuntuosi a Madrid, dobbiamo solo essere consapevoli di chi siamo e non perdere la testa. Non ho mai detto che siamo stati presuntuosi. Oggi abbiamo pagato profumatamente l’ingenuità, dopo il vantaggio abbiamo tenuto il pallino del gioco, peccato perché da un angolo è accaduto quel che è accaduto, ci siamo segnati da soli”.

Condividi