LA ROMA TORNA A VINCERE E DZEKO RITROVA IL GOL

La Roma torna a vincere dopo l’euro-sconfitta contro l’Atletico Madrid e il pareggio in campionato contro il Genoa; spreca poche energie in vista della gara di martedì contro il Qarabag, che vale la qualificazione agli ottavi di Champions League e almeno 15 milioni di euro; riporta Dzeko al gol (gli mancava in campionato dal 1° ottobre, Milan-Roma 0-2) e infonde fiducia a Pellegrini, che stava passando un periodo buio, cancellato dalla sua prima rete in maglia giallorossa; riceve buone vibrazioni da Schick, che entra nella ripresa e mostra una promettente intesa con Florenzi. La cosa più importante, guardando la classifica adesso molto corta, è il risultato di Napoli che riapre per tutti speranze di scudetto.  La partita della Spal è durata dieci minuti, cioè fino all’espulsione di Felipe. Il difensore ha strattonato Dzeko, appena fuori dall’area di rigore: chiara occasione da gol, perché il bosniaco era davanti all’avversario e gli altri difensori della Spal non potevano più raggiungere il giallorosso. Un caso classico, ma per l’incerto Abisso c’è voluto l’aiuto della Var. C’è stato un check anche per il secondo gol giallorosso (segnato da Strootman), con El Shaarawy che è parso in fuorigioco millimetrico: la Var, almeno così è stato insegnato, può intervenire solo in caso di errore evidente e questo non lo è stato considerato. Il responsabile dell’area tecnica della Spal, Davide Vagnati, si è molto lamentato («Non siamo in serie A per pettinare le bambole»)

Fonte: Corriere della Sera

Condividi